Iniezioni positive da Roberto Minelli di Prati Verdi, a Pontoglio

Roberto Minelli

 

Un’inaspettata iniezione di ottimismo e fiducia. Abbiamo raccolto questo dalla conversazione con Roberto Minelli, titolare di Prati Verdi, ristorante pizzeria situato a Pontoglio, nel parco bagnato dal fiume Oglio. Un cliente che serviamo da quest’anno e che conduce la sua attività di impostazione familiare con grande passione.


Appunto avete letto bene: ci ha regalato un’iniezione di ottimismo e fiducia, due termini che di questi tempi si sono estinti anche negli animi più positivi.
Eppure Roberto non è né uno sprovveduto né un ristoratore superficiale.
È un imprenditore che crede nella propria attività e nelle scelte perseguite finora. E anche un cittadino appassionato che crede nel valore gastronomico e culturale del suo Paese.


Se mi chiedi cosa vedo nel futuro non ti posso dire di vedere tutto nero. Ho raggiunto un buon livello di accettazione della situazione che stiamo affrontando. Ho interiorizzato i fatti e aspetto, dandomi da fare. Prima di Marzo il mio locale offriva solo il servizio d’asporto, e non era di certo il nostro core business. Poi dalla Primavera, dopo il primo mese di chiusura totale, ci siamo attrezzati anche per il delivery. Ce ne occupiamo noi, nel senso che a rotazione i miei ragazzi consegnano il nostro cibo a casa dei nostri clienti. È un modo per garantire anche a chi lavora con me un compenso in questo periodo”.

Ci racconta come è cambiata la sua attività.
“Abbiamo investito parecchio per settare tutto il servizio di consegna a domicilio già diversi mesi fa. Questo è stato un elemento di vantaggio per la seconda ondata: è stato complicato reperire tutto ciò che serve per garantire qualità del cibo e le giuste temperature, ma ora possiamo dire di aver rodato l’attività anche su un questo “nuovo” piano. La nostra proposta è sicuramente sempre incentrata sulla pizza nelle versioni classica, integrale, senza glutine e ventilata, ma anche sulla cucina. Il nostro menu contempla carni di vario genere, baccalà, e poi i primi piatti tra cui i Casoncelli Deco serviti con burro salvia e Grana Padano, che vendiamo anche come pasta fresca ripiena. Un’offerta ampia per soddisfare più esigenze e incontrare il gusto di più palati”.

A questo punto vi chiederete cosa rende Roberto così fiducioso…
“Sono per indole una persona positiva. Ma in quest’anno anche i caratteri più forti sono stati messi alla prova. Razionalmente, però, penso: lavoriamo come si deve, privilegiamo da sempre la qualità scegliendo prodotti buoni, sani e italiani. Su questo mi sono trovato in linea con la filosofia di Tondini, che finora mi ha proposto solo materie prime di un certo livello.
E a proposito di italianità: il nostro Paese non solo produce qualità, ma anche sa apprezzarla. Quest’estate, vedendo i numeri del turismo e dei ristoranti, ne abbiamo avuto la prova. Non ci resta che aspettare, credere nelle nostre attività e nella propensione degli italiani a preferire il cibo buono e i posti in cui si sta bene. Per questo sono relativamente sereno”.

Roberto ci dà un’altra preziosa chiave di lettura.
“L’imprenditore l’animo imprenditoriale ce l’ha nel sangue e anche nel momento di difficoltà deve individuare un ambito di investimento. Noi per esempio vogliamo organizzare il dehors in vista della prossima estate e sistemare il locale. Non possiamo arenarci e piangerci addosso, dobbiamo rimboccarci le maniche e pensare già al futuro”.
Ringraziamo anche Roberto per il suo contributo. Sono parole sane e positive, non stimolate da false aspettative ma dalla consapevolezza di ciò che si è.


Prati Verdi
Via Fiume Oglio
25037 Pontoglio (Brescia)
Tel. 030.7470049
www.pizzeriaprativerdi.it