Cascina della Taverna: stuzzicante meta per gli intenditori della carne

Un indirizzo a Desenzano sul Garda in cui si propongono carni selezionate, a rotazione, e piatti tipici della cucina bresciana

1976.
È la data d’inizio di questa semplice, ma nobile, missione di accoglienza che prende il nome di Cascina della Taverna, a Desenzano del Garda. Marina Masina, la nonna di Gabriele Di Caprio (il nostro interfaccia in quest’articolo), proprio quell’anno aveva preso in gestione gli spazi dove oggi si trova questa bella insegna dedicata alla carne e alla cucina bresciana.

“È iniziato tutto con poche cose ma buone, come pane e salame, e la rivendita di vino. Insomma, con una classica osteria. Poi, per soddisfare le richieste, si è passati anche ai pranzi per gli operai e altri lavoratori della zona. Dettavano legge le regole di casa, più che quelle di un ristorante: se per pranzo era previsto l’arrosto ed era per venti – racconta Gabriele – quello era”.

Con il passare degli anni l’attività ha preso nuova identità mettendo al centro delle attenzioni la griglia e le carni. Fino ad arrivare ad oggi, che il locale è nelle mani di Liliana e Valeria Bonatti.
“Abbiamo un camino a vista di due metri in cui cuociamo, alla griglia, tutte le nostre selezioni carnee – racconta Gabriele. Costine, pollo, braciole, salamine, questi sono i baluardi che non possono mai mancare nel menu, a cui affianchiamo un listino di pietanze della cucina e bresciana e carni più inusuali e ricercate. Da noi potete trovare, infatti, a seconda della disponibilità, picana, tagliate, costate dall’Italia ma anche da altri macelli europei”.

Con noi lavorano da circa 5 anni. Dal nostro assortimento Gabriele, che si occupa personalmente dell’acquisto e della selezione delle carni, acquista Scottona Veneta, Diaframma di vitellone, e altre referenze a seconda di ciò che abbiamo in casa in quel periodo.

Ci stiamo specializzando sulle lombate, cerchiamo di far ruotare le carni anche per far conoscere ai nostri clienti carni con caratteristiche molto diverse, razze particolari. Non solo la Fassona, dunque, ma anche la Marchigiana, la Podolica, la Sovrana della Franciacorta…

“Da quando ci siamo concentrati sulla carne abbiamo iniziato anche a valutare le preferenze dei nostri clienti. In generale, l’80% preferisce una carne morbida, saporita, con poco grasso; il 20%, invece, è più incline a sapori decisi e preferisce carni più marezzate. Cerchiamo, in punta di piedi, di informare ed educare all’assaggio i nostri clienti, spiegando quanto una carne con una buona infiltrazione di grasso, per esempio, abbia delle qualità organolettiche di gran lunga superiori. È un po’ la nostra missione, che va di pari passo con il fare star bene i nostro clienti”.

Un’informazione importante, che dovete sapere, è che non si possono prenotare le costate: la  filosofia di Cascina della Taverna è proporre solo ciò che è stato selezionato in quei giorni. Insomma, quel “se c’è l’arrosto per venti, c’è l’arrosto per venti” ritorna, come messaggio di buona ristorazione che non si piega ai numeri e al prezzo, ma predilige la selezione giornaliera delle materie prime.

 

Cascina della Taverna
Località Taverna, 2, 25015
Desenzano del Garda BS